Dall’8 marzo, riparte Libri come


Il prossimo 8 marzo ripartirà Libri come, fortunato festival alla terza edizione nella cornice dell’Auditorium parco della musica di Roma. Anche se quest’anno la manifestazione si protrarrà solo fino all’undici marzo (nel 2011 gli eventi si erano susseguiti per ben nove giorni) – probabile conseguenza dei tagli che già avevano fatto vacillare Più libri più liberi – il programma è ricco, e il tema è il futuro: come testimonia il direttore artistico Marino Sinibaldi al Corriere della sera, non a caso il simbolo di questa edizione sono un paio d’occhiali per “vederci lungo”.

«Gli occhiali cosparsi di frasi e parole – spiega il direttore artistico Marino Sinibaldi – stanno a significare che i libri vanno come indossati per descrivere, leggere e capire il mondo. Sulla scia dei talk americani, proporremo una maratona sul futuro, che toccherà diversi aspetti».

E a proposito di futuro, il festival apre prima per i giovani: il Garage,  spazio dedicato ai laboratori per le scuole, sarà attivo già il 5 marzo, con iniziative organizzate dalle case editrici e percorsi di approfondimento su cosa vuol dire fare i libri.

Le attività didattiche saranno diversificate a seconda dell’età dei partecipanti: il “tema caldo” per gli studenti delle medie sarà l’integrazione, di cui discuteranno con il genetista Guido Barbujani, la giornalista Carlotta Mismetti Capua e lo scrittore Fabio Geda. Gli studenti delle superiori, invece, saranno invitati a riflettere sulle modalità dell’infiltrazione criminale con il magistrato Raffaele Cantone e i giornalisti Carlo Bonini e Giovanni Tizian.

All’interno del Garage ci sarà anche una mostra di quadri di Tommaso Pincio.

Per chi vorrebbe lavorare nell’editoria, invece, è stato pensato il ciclo di laboratori I mestieri del libro: dal cinque al nove marzo ospiti da piccole e grandi case editrici spiegheranno i passaggi del lavoro editoriale, dall’apertura della casa editrice alla progettazione della copertina, con un approfondimento sui diversi tipi di editing (narrativa italiana, straniera e saggistica).

Una “valanga azzurra” nei 225 ospiti di quest’anno: Alessandro Baricco, Giorgio Faletti, Milena Agus, Domenico Starnone, Raffaele La Capria, Marco Baliani, Massimo Cacciari, Salvatore Settis, Gustavo Zagrebelsky, Francesco Guccini sono solo alcuni dei nostrani. Anche i nomi dall’estero non sono pochi: ci saranno Jonathan Coe, Carlos Ruiz Zafòn,  Tzvetan Todorov e Jennifer Egan, che a proposito di presente, passato e futuro ha certamente qualcosa da dire.

Via Via dei serpenti

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Appuntamenti, Festival e manifestazioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...